La Stampa - 10.03.2020

(Kiana) #1

.


MAURIZIO TROPEANO


D


opo Cremonini ecco
Barilla. I big dell’a-
groalimentare italia-
no scommettono
sulla Russia. La multinaziona-
le di Parma investirà oltre 130
milioni nella Zona economica
speciale (Zes) della regione di
Mosca «Stupino Quadrat». Ed
entro l’anno è possibile l’an-
nuncio di nuovi progetti d’in-
vestimento di gruppi agroali-
mentari italiani realizzati an-
che con il sostegno del fondo
sovrano russo Rdfi e di Cassa
depositi e prestiti, attraverso
Fsi. E qualcuno potrebbe an-
che insediarsi proprio in quel-
la Zes.
Questo, però, è il futuro. Il
presente si chiama Barilla che
costruirà il primo mulino
nell’Est Europa per la produ-
zione di farina di grano duro e
realizzerà un secondo impian-
to per la produzione di pasta
dopo quello in funzione a Sol-
nechnogorsk. Per Mikhail Pu-
tilin, il vice presidente per la
Russia e la Csi di Barilla Rus e
il ceo della nuova società di
produzione Barilla Rus pro-
duction, tra i fattori più impor-
tanti che hanno determinato
la scelta del sito ci sono la «lo-
gistica conveniente, la dispo-
nibilità di una linea ferrovia-
ria sul sito, le attrezzature con
tutte le strutture e servizi ne-
cessari, nonché la disponibili-
tà di personale altamente qua-
lificato nel distretto di Stupi-
no». L’investimento di Barilla
in Russia non è legato all’em-
bargo, la pasta, infatti, è esclu-
sa dalle sanzioni imposte da
Usa e Ue dopo l’invasione del-
la Crimea, ed è legato alla cre-

scita dei consumi della classe
media russa. Quando i nuovi
impianti saranno operativi, la
pasta Barilla - nel 2018 ultimo
dato disponibile il fatturato
del gruppo di Parma in Russia
è cresciuto del 16% - consoli-
derà la terza posizione tra i
marchi più venduti su quel
mercato e la prima, per valo-
re, a Mosca e S. Pietroburgo.
L’embargo, però, si è fatto
sentire eccome sul made in Ita-
ly. Secondo la ministra delle
Politiche agricole, Teresa Bel-
lanova, dal 2014 è stato perso
1,5 miliardi. E Luigi Scorda-
maglia, il ceo di Inalca, inau-
gurando la nuova piattafor-
ma distributiva lo scorso 13

febbraio a Odinzovo, alle por-
te di Mosca, aveva spiegato:
«Abbiamo registrato un au-
mento di valore dei prodotti
del Made in Italy non sottopo-
ste ad embargo, cioè vino, pa-
sta, olio ma adesso commer-
cializziamo un centinaio di
prodotti italiani, primi
dell’embargo erano un miglia-
io. Li abbiamo dovuti sostitui-
re con prodotti locali russi». Il
food di qualità è un mercato
attualmente in forte crescita
in Russia, ha spiegato Luigi
Scordamaglia, ad di Inalca.
Inalca, partecipata da Cdp,
è presente in Russia dal 2010
e in tutto ha investito circa
250 milioni puntando anche

sugli allevamenti. Nel 2014, a
1.200 chilometri da Mosca at-
traverso un’altra società con-
trollata (Orenbeef) è stato
creato un impianto per la lavo-
razione e macellazione della
carne nella regione di Oren-
burg creando una rete con gli
allevatori russi e aprendo stal-
le di proprietà. «Il nostro obiet-
tivo - aveva spiegato Luigi Cre-
monini lo scorso 13 febbraio a
Mosca - è completare anche in
Russia la filiera del bovino por-
tando tecnologie ed esperien-
ze. Quei bovini vengono ma-
cellati e poi spediti qui a Mo-
sca dove vengono trasforma-
ti». Un piano di economia cir-
colare che si sposa perfetta-
mente con la politica di pro-
gressiva autosufficienza di
commodities agricole avviate
dal governo russo a partire
dal 2014 tanto che nel 2019 il
fondo sovrano russo Rdfi, che
fa capo direttamente a Vladi-
mir Putin, ha investito 14 mi-

lioni. Sempre il 13 febbraio Ki-
rill Dmitriev, il ceo del fondo
d’investimento che fa capo di-
rettamente a Vladimir Putin,
commentando positivamente
la scelta del gruppo Cremoni-
ni, aveva spiegato che la «coo-
perazione nel settore del cibo
e della logistica rafforzano le
economie dei nostri due paesi
e aiutano lo sviluppo delle re-
lazioni bilaterali». Ecco per-
ché «noi, insieme al nostro
partner, Fsi, continueremo a
sviluppare il business delle
compagnie italiane in Russia
e stiamo pianificando di an-
nunciare nuovi progetti d’in-
vestimento quest’anno».
Si vedrà. Ma è possibile che
una delle zone d’insediamen-
to più gettonate sia proprio
Stupino Quadrat che punta
molto sull’attrazione di azien-
de del made in Italy. Alla Livol-
si & Partners, l’ufficio di rap-
presentanza di quella Zes in
Italia, raccontano che oltre
una ventina di aziende del set-
tore hanno visitato l’area d’in-
sediamento. —
© RIPRODUZIONE RISERVATA

EF


ECONOMIA


& FINANZA


Il vicepresidente Luca Barilla e l’ad Claudio Colzani (primo e terzo da sinistra) nel sito di Solnechnogorsk


Il fondo sovrano
di Mosca annuncia
entro l’anno l’avvio
di nuove partnership

+16%


l’aumento delle vendite
di pasta Barilla
registrato
in Russia nel 2018

IN BREVE


Nomine
Gruppo Benetton
Renon è il nuovo ad
Sarà Massimo Renon il
nuovo amministratore
delegato del gruppo Be-
netton. Il manager assu-
merà l'incarico ad apri-
le. Il suo ingresso ha «co-
me obiettivo - si legge in
una nota di Ponzano Ve-
neto - l'implementazio-
ne del processo di rilan-
cio del business avviato
dal presidente Luciano
Benetton nel 2018».

Il bilancio
Cir, 2019 ricavi stabili
a 2,11 miliardi di euro
Cir ha chiuso il 2019 con
ricavi stabili per 2,11 mi-
liardi di euro. Il margine
operativo lordo, di
290,4 milioni, è in calo
del 7,4% con Sogefi (-
3,3%) compensata dalla
crescita di Kos (+9,2%),
attiva nel settore sanita-
rio. Il risultato netto è di
14,3 milioni, in linea
con il precedente, esclu-
sa la partecipata Gedi.

Numeri in rialzo
Acea, utile netto +5%
cedola a 0,78 euro
Risultati in rialzo per
Acea nel 2019. L'utile
netto è salito del 5%
(284 milioni) mentre l’E-
bitda è cresciuto del
12% (1.042 milioni) e i
ricavi netti consolidati
ammontano a 3.186 mi-
lioni (+5%). Il Cda pro-
pone un dividendo di
0,78 euro ad azione.

Automotive
Brembo, cresce Editba
a 515,2 milioni
Brembo ha archiviato il
2019 con ricavi netti con-
solidati per 2.591,7 mi-
lioni (-1,8%) mentre cre-
sce il margine operativo
lordo a 515,2 milioni.

IL CASO


Il gruppo di Parma spende 130 milioni per raddoppiare la produzione di pasta

Da Barilla a Cremonini


L’agroalimentare italiano


investe sulla Russia


1,


i miliardi persi
dall’agroalimentare
italiano a causa delle
sanzioni alla Russia

ITALIA


FTSE/MIB


18.


-11,,17%


FTSE/ITALIA


20.


-10,75%


EURO-DOLLARO


CAMBIO


1,


+1,05%


PETROLIO


WTI/NEW YORK


31,


-24,6%


ALL'ESTERO


DOW JONES


23.839,
-7,83%

NASDAQ


7.950,
-7,29%

Il punto
della giornata
economica

TRIBUNALE DI TORINO


SEZIONE FALLIMENTARE


Procedura di Concordato Preventivo R.G. n. 6/2018 – Presidente dr.ssa Vittoria NOSENGO
della Società TORINO NUOVA ECONOMIA S.p.A.
Estratto di vendita
Il giorno 22 aprile 2020 alle ore 15,00 presso lo studio del Notaio designato, Dott.
Giuseppe Gianelli, in Via Colli n. 20, Torino, ed alla presenza del Commissario Giudiziale,
Dott. Ivano Pagliero, si svolgerà la procedura competitiva con gara informale ex art. 107
comma 1 l.f., per la cessione di immobili in un unico lotto denominato “Lotto Ex En-
gineering – Zona B” così individuato: Immobile avente superficie fondiaria di 37.
metri quadrati, censito al Catasto Fabbricati del Comune di Torino al Foglio 1436 Parti-
cella 11, su cui insistono fabbricati industriali dismessi (Produttivo e Uffici) per una SLP
pari a mq 17.699; il tutto sito nel Comune di Torino – Zona Mirafiori.
Prezzo Base: Euro 1.650.000,00 oltre imposte di legge ed oneri di vendita di cui
all’avviso di vendita. Rilancio Minimo: Euro 50.000,
Termini e modalità di presentazione delle offerte: gli interessati dovranno far per-
venire offerte di acquisto irrevocabili ed incondizionate, in bollo da Euro 16,00, in busta
chiusa, allo studio del notaio dr. Giuseppe GIANELLI in Torino – Via Colli n. 20, entro le
ore 12.00 del 21 aprile 2020. Sulla busta dovrà essere riportata esclusivamente la
dicitura “Tribunale di Torino – Torino Nuova Economia S.p.A. – procedura competitiva
del 22 aprile 2020”. L’offerta dovrà contenere l’accettazione di tutte le condizioni di
cui all’avviso di vendita, per un importo non inferiore al prezzo base e cauzione pari al
10% del prezzo offerto, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Torino
Nuova Economia S.p.A.”.
Nel caso di presentazione di unica offerta valida, l’aggiudicazione provvisoria avverrà
in favore dell’unico offerente; nel caso in cui risultino presentate più offerte valide si
darà luogo, da parte del notaio, alla gara con aumenti non inferiori a euro 50.000.
Oggetto, contenuto, termini, modalità e condizioni come meglio descritte nell’Avviso
di Vendita consultabile per esteso sui siti: http://www.asteimmobili.it; http://www.astalegale.net
e http://www.tribunale.torino.it. Per richieste, consultazioni ed informazioni rivolgersi
all’indirizzo postatne@pec.torinonuovaeconomia.it

VENDITE GIUDIZIARIE TRIBUNALE DI AOSTA
http://www.tribunale.aosta.giustizia.it
e http://www.astalegale.net oppure 848.800.
Immobili industriali e commerciali,
strutture turistiche
TRIBUNALE DI AOSTA - Fallimento n. 4/
AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE SENZA
INCANTO TELEMATICA CON MODALITA’
ASINCRONA. Il sottoscritto Dott. Paolo Cac-
ciari con studio in Torino, Via G. Casalis n. 49,
delegato per le operazioni di vendita relative
al fallimento n. 4/2014 dal Giudice Delegato
Dott. Marco Tornatore con provvedimento del
1.2.2018 avvisa di quanto segue: Vendita senza
incanto telematica con modalità asincrona dei
seguenti immobili: LOTTO 1) Arnad AO), Zona
Glair: diritto di piena proprietà di porzione di
fabbricato autonoma corrispondente con l’intero
piano terra di un fabbricato industriale (mq 2115).
Prezzo base Euro 200.918,25. Offerta minima:
Euro 150.688,69. LOTTO 2) Arnad AO), Zona
Glair: diritto di piena proprietà di porzione di fab-
bricato autonoma corrispondente con l’intero pia-
no seminterrato di un fabbricato industriale (mq.
2380). Prezzo base Euro 313.242,75. Offerta mini-
ma: Euro 234.932,06. Data, ora e luogo operazioni
di vendita: 19/05/20 ore 15:00 in Torino, Via G.
Casalis n. 49. Termine per il deposito delle offerte
in busta chiusa: 18/05/2020 ore 12,30.Curatore
Fallimentare Dott. Paolo Cacciari Per informazioni
tel. 0114473790 (maddalena.salerno@dottcomm.
it) Rif. FALL 4/2014 AA686138.

Per la pubblicità su:

http://www.manzoniadvertising.it

MARTEDÌ 10 MARZO 2020LASTAMPA 19


EF

Free download pdf